Cose da Vedere

Non si può lasciare l’isola senza una visita a …

Museo di Arte Popolare Photo Folklore Museum - Koufonisia

Nel serbatoio dell’acqua, vicino alla chiesa di San Giorgio per la strada principale del paese, si trova una piccola esposizione di arte popolare.

Vengono mostrati attrezzi agricoli, strumenti per le barche, utensili domestici, cornici antiche e molti altri oggetti di un tempo, di varia grandezza, il tutto rappresenta un quadro complessivo del passato.

Questo museo è stato aperto il 30 giugno 2011, per un’iniziativa del neo-eletto sindaco, Antonis Kovaios, è stato grande il contributo di molti degli isolani e degli amici dell’isola, che hanno lavorato duro e donato oggetti in un lungo e onorevole sforzo per conservare la memoria.

Mulini a Vento

WINDMILL Cafe - Koufonisia - Show Photo GalleryUn tempo in cui l’accesso a Koufonissi era limitato a causa della mancanza di servizi di trasposto, la principale occupazione degli abitanti era il procacciamento di alimenti per soddisfare le esigenze della famiglia. Di conseguenza, l’isola era rigogliosa di campi di grano e il raccolto veniva macinato in due mulini a vento.

Windmill Villa - Koufonisia - Show Photo GalleryCon il tempo i mulini sono entrati in disuso e sono stati restaurati per ricordare i tempi passati.

Il primo mulino si erge sopra il porto, sulla strada parallela ad accogliere i visitatori. Oggi viene utilizzato come bar-caffetteria.

Il secondo mulino, costruito intorno al 1830 e stato designato come monumento storico successivo al periodo pre-industriale e si erge orgogliosamente sopra il cantiere navale dell’isola a Loutro. Al giorno d’oggi, restaurato, è un hotel a 4 stelle.

Karnayo (Cantiere)

Karnagio - Koufonisia - Show Photo GalleryUn’isola come Koufonissi, che vanta la più grande flotta di pesca in Grecia in proporzione alla sua popolazione, deve avere un posto per la riparazione e la manutenzione di barche. Questo è il Karnayo a Loutro. E’ il secondo cantiere dell’isola ed è stato fondato nei primi anni del 1980 quando il primo chiuse perché il suo proprietario andò in pensione. E’ l’unico cantiere delle Piccole Cicladi, l’altro più vicino è a Paros.

Una visita al cantiere vi porterà indietro nel tempo, i lavori di manutenzione sono effettuati tramite gli stessi strumenti e le tecniche semplici usate molti decenni fà.

Pisina (Piscina)

Pisina - Koufonisia - Show Photo GalleryAnche se avete optato per la gita in barca come mezzo per andare in giro, è necessario, almeno una volta, percorrere a piedi la strada costiera. Sul sentiero di scogli tra Platia Pounda (Italida) e Pori si arriva alla piscina. E’ una piscina di roccia naturale, che vi incanterà. Soprattutto se non è affollata, si potranno stendere gli asciugamani sulle rocce e ci si potrà immergere per ore, il bambino che è in voi darà il meglio di sé …

Per Mati tou Diavolou (Occhio del Diavolo)

Mati tou Diavolou - Koufonisia - Show Photo GallerySul sentiero costiero oltre la piscina si incontra la grotta chiamata Occhio del Diavolo. Fate attenzione, la troverete nascosta sulla destra, quando dopo la piscina intravedrete la spiaggia di Pori. Si tratta di una grotta che sembra un Ciclope per il fatto che ha un occhio solo, quello del Diavolo, è un buco all’interno della grotta che comunica con il mare. Con un po’ di corrente, l’acqua arriva fino al bordo del foro e viene risucchiata di nuovo. L’acqua schiumosa, la musica di questo ritorno incessante indietro verso il mare in combinazione con l’acustica della grotta, offrono un effetto audiovisivo sorprendente.

 

Il Tripiti o Gala (Latte)

GALA - KOUFONISIA - Show Photo GalleryDal momento che siete finalmente arrivati a Pori, vale la pena incamminarsi un po’ più lontano per raggiungere la spiaggia nella Grotta di Latte (Gala). Alla fine della spiaggia di Pori inizia un percorso che porta a un enorme buco nel terreno che contiene una spiaggia accessibile a piedi. Quando il tempo è calmo, è possibile fare il bagno fino al mare aperto. Se ci si sta ancora chiedendo il perché di questo nome, diventerà chiaro quando si vedrà il colore dell’acqua, che è biancastra dalla polvere delle rocce circostanti che cade su di essa.

Si tratta di un’occasione unica per sentirsi come Cleopatra che faceva il bagno nel latte.
Il nome è stato inventato da un visitatore ed è rimasto così.
Il suo nome originale per la gente del posto è Tripiti (forato), per ovvie ragioni.

Le Grotte nella Baia di Xylobati

Xilompatis - Koufonisia - Show Photo GalleryA nord della spiaggia di Pori c’è la baia di Xylobati.
A destra ci sono due grotte che si possono esplorare in barca o a nuoto.

Una è allungata con due ingressi, mentre l’altra ha una piccola spiaggia all’interno.

I colori dell’acqua sono davvero incantevoli.